top of page
  • Paola Pinna

The Moon, my Homeland and the Biennale

I wanted to share the experience I had at the very first Biennale of Contemporary Art in Ulassai, Sardinia. The theme was Project and Destiny, honoring the Sardinian-born artist Maria Lai. I was invited to create a piece inspired by my homeland, which allowed me to delve into my past and explore the emotions tied to my roots. I made a piece that captures my personal journey and themes of connection, conflict, and the irresistible pull of home.

I printed it on retro-lit plexiglass with an aluminum frame.


Its title is Madre Cosmica (Arcano 18). The 18th card, The Moon, is one of humanity's oldest symbols. It represents the Cosmic Mother, mystery, imagination, and poetry. Coincidentally, the 18th is also my birthday, so this card feels very personal to me. It really reflects my connection with my birthplace.


My homeland is this secluded, energy-packed place that’s totally enigmatic and full of challenges. It’s magical and alluring, sometimes feeling like a nurturing, ever-present mother. This blend of feeling connected yet confined has always created a bit of inner conflict for me. With this artwork I express this struggle, highlighting the darker yet dreamy and feminine side of my relationship with my roots.


Participating in the Biennale wasn’t just about showcasing my work; it was about connecting with my cultural heritage and honoring a legacy that has deeply influenced me. The event gave me a platform to express my story and celebrate the powerful impact of our origins on our destinies.




La Luna, la mia terra natale e la Biennale


Volevo condividere l'esperienza che ho avuto alla prima Biennale d'Arte Contemporanea di Ulassai, in Sardena. Il tema era Progetto e Destino, in onore dell' artista sarda Maria Lai. Sono stata invitata a creare un'opera ispirata alla mia terra, che mi ha permesso di approfondire il mio passato ed esplorare le emozioni legate alle mie radici. Ho realizzato un'opera che cattura il mio viaggio personale e temi di connessione, conflitto e l'irresistibile richiamo di casa. L'opera finale è una stampa su plexiglass retroilluminato con cornice in alluminio.


Il suo titolo è Madre Cosmica (Arcano 18). Rifderito appunto all carta 18 dei Tarocchi, La Luna, è uno dei simboli più antichi dell'umanità. Rappresenta la Madre Cosmica, il mistero, l'immaginazione e la poesia. Coincidentalmente, il 18 è anche il mio compleanno, quindi questa carta mi è molto personale. Riflette davvero il mio legame con il luogo in cui sono nata.


La mia terra è un luogo appartato e ricco di energia, totalmente enigmatico e pieno di sfide. È magico e affascinante, a volte sembra una madre premurosa e sempre presente. Questo mix di sentirsi connessi ma limitati ha sempre creato un po' di conflitto interiore per me. Nell'opera esprimo questa lotta, mettendo in evidenza il lato più scuro, ma sognante e femminile del mio rapporto con le mie radici.


Partecipare alla Biennale non è stato solo mostrare il mio lavoro; è stato connettersi con il patrimonio culturale della Sardegna e onorare un'eredità che mi ha profondamente influenzato. L'evento mi ha dato la possibilità di esprimere questo dettaglio della mia storia e celebrare il potente impatto delle nostre origini sui nostri destini.




11 views0 comments

Recent Posts

See All

Comments


bottom of page